Come avere un risparmio energetico nelle aziende con i server in Cloud

Gen 18, 2023 | Consulenza informatica

Nel periodo storico in cui stiamo vivendo il risparmio energetico è diventato una delle principali preoccupazioni delle aziende, che devono trovare delle soluzioni in grado di far fronte a bollette sempre più salate.

Un modo per farlo è quello di passare da server locali sempre più costosi per la gestione dei dati a quelli in Cloud flessibili, scalabili e vantaggiosi.

Per scoprire tutti i modi in cui un server in Cloud ti fa risparmiare sul costo dell’energia elettrica, in questo articolo ti spieghiamo:

risparmio

Quanto consuma in media un server locale

Risparmiare energia diventa sempre più importante anche quando riguarda l’utilizzo di server. Sappiamo che esistono diversi tipi di server fisici di piccole o grandi dimensioni.

I server di dimensioni ridotte sono quelli localizzati nelle aziende più piccole e si occupano, generalmente, di archiviare dati e trasmettere indicazioni di stampa. 

I server più grandi li ritroviamo in aziende più strutturate che necessitano di un maggiore gestione dei dati. Questi ultimi di solito vengono collocati all’interno di grandi armadi e in data center dove vengono cablati. Necessitano di una climatizzazione continua, affinché non si surriscaldino e rimangano sempre attorno ai 24°C. 

I server locali di grandi dimensioni sono alimentati attraverso i cosiddetti gruppi di continuità che permettono loro di ricevere elettricità anche in caso di interruzione dell’energia.

Se i server di dimensioni ridotte consumano come un computer, quindi dai 250 ai 500 W, i server di grandi dimensioni risultano responsabili per un grosso consumo di energia tanto che negli Stati Uniti si stima che i data center utilizzino più dell’1% di energia elettrica di tutto il Paese.

Perché i server locali consumano di più?

Le macchine locali di grandi dimensioni sono inseriti all’interno di data center che hanno bisogno di energia elettrica per:

  • Mantenere costante l’afflusso di elettricità anche in caso di mancanza di corrente
  • Raffreddare e stabilizzare la temperatura per evitare il surriscaldamento dei server
  • Alimentare tutti i server
  • Dare energia per fornire l’illuminazione
  • Alimentare tutti i sistemi di sicurezza fisici (antincendio, gruppi elettrogeni, ecc…)

 

Come il Cloud ti consente un risparmio energetico in azienda

Se un’azienda non lavora in Cloud, significa che dovrà utilizzare un server locale per archiviare i dati e tenerli al sicuro per recuperarli in caso di perdita o di attacchi esterni.

Questo tipo di server avrà quindi la necessità di rimanere acceso sempre, consumando moltissima energia, utile per il suo funzionamento continuo e per garantire la Business Continuity.

Dobbiamo, inoltre, tenere conto che sulla bolletta aziendale non vanno a gravare solo i costi dei consumi del server che andranno dai 300W fino agli 800W per ora. A pesare sulla bolletta della tua azienda saranno anche tutti i costi per tenere attivo il server locale, come i sistemi di raffreddamento e l’illuminazione, ma anche quelli della manutenzione. Un server di questo tipo, infatti, ha un ciclo di vita media di 6 anni. 

Utilizzare un server Cloud per la tua azienda azzererebbe tutti questi costi, trasformandosi in una soluzione sostenibile e scalabile, in grado di ridurre gli sprechi energetici.

Scegliere il Cloud significa quindi:

  • Eliminare i costi di un data center fisico.
  • Risparmiare in bolletta, evitando di dover utilizzare sistemi di raffreddamento e di illuminazione.
  • Risparmiare sul costo della manutenzione che dovrà recarsi da voi per sistemare eventuali problemi hardware.
  • Permetterti di lavorare in smart working con serenità risparmiando su molti costi della bolletta sicuri
risparmio

Perché scegliere il cloud per il risparmio energetico

Scegliere una soluzione in Cloud significa, quindi, risparmiare a partire dal fatto che si paga solo per le risorse che si consumano e di cui si ha veramente necessità.

Il risparmio lo si comprende a partire dalla struttura stessa dei Cloud che nascono per permettere al cliente di utilizzare uno strumento accessibile anche alle aziende più piccole, flessibile, dove i consumi possono essere monitorati facilmente.

Il modello pay-as-you-go, ovvero paghi in base ai consumi che effettui, permette ai server in Cloud e ai servizi associati di essere sempre pronti alle necessità dell’azienda, così da evitare costi fisici fissi di qualsiasi tipo.

Questo significa evitare costose strutture dove collocare i data center, in favore di una struttura più flessibile nella quale si possono aggiungere o togliere risorse, ottimizzando così qualsiasi tipo di consumo, compreso quello energetico.

Optare per un servizio in Cloud vuol dire sfruttare appieno tutti i vantaggi di sostenibilità che il Cloud è in grado di offrire. Passare a un server in Cloud ti permetterà di ridurre di molto l’emissione di carbonio della tua azienda: alcune ricerche hanno, infatti, dimostrato che utilizzare il Cloud permette di ridurre l’emissione di CO2 fino al 98% rispetto all’utilizzo di server locali.

Valore BF con le sue soluzioni in Cloud ti aiuta a sfruttare al meglio queste tecnologie e a risparmiare sulla tua bolletta.

Sei già cliente?
RICHIEDI ASSISTENZA