Windows 7 è stato rilasciato da Microsoft il 22 ottobre 2009 e la casa madre ha deciso di interrompere definitivamente il supporto tecnico, in modo da potersi concentrare sul supporto e il miglioramento di tecnologie più recenti.
Nello specifico, il giorno in cui è terminato il supporto per Windows 7 è il 14 gennaio 2020.

Vediamo insieme cosa significa per l’utilizzatore finale fine del supporto, cosa accade se si continua ad usare Windows7, come influisce questo sulle app di Microsoft Office e traiamo poi le somme su cosa conviene fare.

 

1 – Che cosa significa fine del supporto per il cliente finale?

Fine del supporto significa che non sono più disponibili gli aggiornamenti software di Windows Update che ti permettono di proteggere il PC ed il servizio clienti per il supporto tecnico. Sono stati anche interrotti i servizi correlati per Windows7 (giochi, guida tv e altro).

 

2 – Che cosa accade se si continua ad usare Windows 7?

Se continuerai ad usare Windows 7 il tuo PC ovviamente funzionerà ma sarà più vulnerabile dal punto di vista della sicurezza. La vulnerabilità non si limita al pc stesso ma, lavorando in rete, si rischia che l’hardware renda vulnerabile l’intera rete a cui è attestato. Questo, oltre ad essere un grande danno di per sè, porta l’azienda a non rispettare i requisiti di compliance della normativa GDPR, facendola incorrere nelle sanzioni previste dal legislatore.

Oltre a questo, l’utilizzo di Windows 7 potrà influire negativamente sull’esperienza con Microsoft Office: la casa madre ha dichiarato che l’utilizzo di Office 365 in sistemi operativi meno recenti e non supportati può causare problemi di prestazioni e affidabilità nel tempo. In quanto componente di Windows, anche Internet Explorer su Windows 7 seguirà il ciclo di vita del supporto del sistema operativo Windows su cui è installato.

 

3 – È possibile aggiornare il PC a Windows 10?

Puoi aggiornare i PC con Windows 7 ma solo con pc compatibili. L’aggiornamento a Windows 10 è stato gratuito fino a luglio 2016, ora va acquistato: potrai scaricare l’aggiornamento dal sito della casa madre e installare una versione completa del software direttamente dal tuo pc. Microsoft consiglia di non installare Windows 10 in un dispositivo meno recente poiché alcuni dispositivi Windows 7 non sono compatibili con Windows 10 o potrebbero offrire una disponibilità ridotta delle funzionalità.

Visto quanto sopra, possiamo definire che alla maggior parte degli utenti di Windows 7 conviene passare a un nuovo dispositivo con Windows 10. I PC moderni sono più veloci, leggeri, ma anche potenti e più sicuri e con un prezzo medio considerevolmente inferiore a quello del PC medio di otto anni fa.

Scrivici a marketing@valorebf.it per avere una consulenza gratuita sulla tipologia di pc che più si adatta alle tue esigenze, oppure clicca qui sotto per scoprire la promo attiva sui PC.

Accedi alla PROMO